Agenzia di Comunicazione e Marketing

Design & UX

Graphic Design
Web Design
User Experience Layout
Editorial design
Responsive and Mobile friendly

Web Development

Project Design
Websites HTML & WordPress
E-commerce
Multilingual Websites
Web based APP

STRATEGY

Advertising Campaign
Media Planning
Social Media Marketing
SEO, Analytics & ADwords
Audience Development

Cose da fare
prima di lanciare un nuovo sito web

Una lista di cose da fare prima di andare on line col tuo nuovo sito web

Ok, hai appena finito di creare il tuo nuovo e fiammante sito web e ti stai preparando a farlo conoscere al mondo? Per aiutarti a farlo vi suggeriamo una checklist di controllo per renderlo più appetibile agli utenti e a Google.
Ti proponiamo una lista che serve a ricontrollare le cose che potresti aver pensato mentre stavi costruendo il sito e spero te ne suggerisca altre a cui non avevi pensato. Se questa lista ti ricorda anche un solo elemento che potresti aver perso, allora saremo serviti a qualcosa!
Solo un piccolo avvertimento: questa lista presume da parte tua una conoscenza di base di codice HTML e della SEO

Pensa agli utenti:
“Quando si pianifica un nuovo sito non pensare solo a categorie di contenuti, ricerca o esperienza utente. Pensa al potenziale pubblico. Qual è il tuo pubblico preferito? Immagina persone reali che potrebbero venire a vedere il tuo sito. Perché dovrebbero visitarti? Cosa puoi offrire loro che non possono ottenere in altri posti?”

Generalmente, i siti Web sono costruiti per fornire informazioni o effettuare vendite on line. Prima di iniziare a assemblare il tuo sito, ti consigliamo di creare un piano che descriva in dettaglio il tuo pubblico di destinazione e in che modo desideri che i tuoi utenti agiscano mentre navigano nel tuo sito.

Mentre pianifichi, considera queste domande:
Chi entra nel tuo sito? Cosa vuoi da loro? Possono facilmente darti informazioni? Ad esempio, se il tuo obiettivo è quello di raccogliere l’indirizzo email di un potenziale cliente, c’è un valido motivo per fornirti quell’indirizzo email? Cosa vogliono da te? Sono in grado di ottenere quello che vogliono prima di lasciare il tuo sito? Se questo sito è progettato per fare vendite, hai reso facile per il cliente pagare? Molti siti Web falliscono perché hanno reso difficile per il cliente dare loro denaro!
Assicurati di avere proposte di valore sulle tue pagine prodotto usando modi chiari e convincenti, che ispirino le persone a considerare ciò che offri, a tornare alle tue pagine e consigliarle agli amici. Anticipa le domande che potrebbero avere e soddisfale con le risposte che ti fanno desiderare di acquistare, o almeno contattarti per saperne di più.
Ora vediamo i fattori da prendere in considerazione prima di lanciare il nostro nuovo sito:

Problemi di progettazione
Ami il design del tuo nuovo sito, e fai bene, poiché un design ben progettato aiuta molto il tuo lavoro! Che tu l’abbia fatto da solo o che abbia assunto il cugino di un amico che crea siti web, bel lavoro. Ma prima di metterlo on line e iniziare a promuoverlo, ti consigliamo di controllare almeno alcuni elementi di design.
Tutto il tuo pubblico vedrà il prodotto finito, quindi se un bit di formattazione mancante o un’immagine mal posizionata fanno rimbalzare via gli utenti, dovrai dedicare un po’ di tempo al back-end per risolvere questi problemi. Per assicurarti che il sito abbia un aspetto, una lettura e una risposta adeguata, dovrai effettuare test rigorosi su un gruppo di browser e dispositivi.
· Metti alla prova il tuo sito su più browser possibili, iniziando da Chrome, Internet Explorer e Firefox, per eventuali problemi di rendering.
· Verifica che le pagine siano compatibili su tutti i dispositivi (Desktop, Tablet, Smartphone a diverse risoluzioni).
· Assicurati che CSS, HTML e tutti gli script siano correttamente validati e ottimizzati.
· Controlla la coerenza degli stili di carattere, altezza della linea, spaziatura, direzione, immagini, navigazione e colori. Se sono stati aggiunti nuovi elementi durante l’inserimento o lo sviluppo del contenuto, assicurati che corrispondano allo stile precedente del sito.
· Assicurarsi che la favicon sia presente e resa correttamente.
· Esegui una lettura pagina per pagina e verifica che gli stili di paragrafo funzionino correttamente (intestazioni, elenchi, citazioni di blocco) e siano coerenti tra i contenuti.
· Il carattere è leggibile? Non usare caratteri difficili da leggere come Papyrus.
· C’è un buon contrasto di lettura? Ad esempio: non avere testo blu su sfondo rosso.
· Il tuo sito è facile da navigare? I menu e i collegamenti sono facili da trovare?

Le funzionalità
Prenditi del tempo per testare le funzionalità sul tuo sito web. Forme di lead generation, social sharing, integrazione del CRM e qualsiasi altra tecnologia dovrebbero funzionare in modo impeccabile. Gli utenti frustrati dalle funzioni rotte andranno via. Ecco cosa cercare:
Un messaggio di ringraziamento o una pagina dovrebbero essere visualizzati dopo che un modulo è stato inviato correttamente. È bello, e consente all’utente di sapere che la propria presentazione è stata eseguita. I risponditori automatici dovrebbero funzionare correttamente.
Assicurati che tutti i collegamenti funzionino e inviino gli utenti alla pagina giusta.
Le icone di condivisione dei social media collegano le pagine appropriate.
I feed sono collegati (RSS, notizie, social media) e popolano con post.
Collegare il logo dell’azienda alla homepage.
Le integrazioni con strumenti di terze parti, come il CRM, il software di e-commerce e / o la piattaforma di marketing, funzionano senza intoppi.
Verifica la qualità del tuo sito su Google PageSpeed o Pingdom Tools e correggi eventuali raccomandazioni tecniche pertinenti. Se è WordPress puoi seguire questi passaggi per migliorare i tempi di caricamento.
I visitatori possono contattarti direttamente dal tuo sito web? Utilizzare i moduli di contatto; sono molto più user-friendly rispetto alla semplice visualizzazione di un indirizzo email.
Se il sito Web è sicuro e include un certificato SSL, eseguire la migrazione al nuovo server (oppure acquistare, configurare e applicare un nuovo SSL).
Le seguenti due sezioni sono strettamente correlate alle migliori pratiche SEO. Come con il resto di queste liste di controllo, questi sono elementi che è importante considerare, ma le istruzioni non sono incluse. Le correzioni richiedono alcune conoscenze (da te o da un esperto).

I contenuti
Questo è dove puoi fare la differenza.
Fai in modo che il testo del sito comunichi in modo chiaro e rapido ai visitatori come ottenere ciò che vogliono e ciò che vuoi da loro.
“Il contenuto gioca un ruolo enorme in qualsiasi sito web. È un lavoro molto impegnativo inizialmente, ma una volta terminato si entra in una fase di manutenzione in cui è sufficiente aggiungere il contenuto secondo necessità. A meno che non si abbia un sito e-commerce, molto probabilmente si aggiungeranno contenuti su base giornaliera / settimanale con nuove descrizioni dei prodotti, ecc.”
Errori di battitura e grammaticali sono spesso indice di scarsa professionalità, quindi ricontrolla il tuo lavoro. Controlla i seguenti elementi ora, quindi esegui di nuovo l’operazione in seguito.
Correggi! L’ortografia e la grammatica devono essere corrette. Chiedi a un tuo amico o collega di controllare il tuo lavoro, quattroocchi sono meglio di due!
Controlla nome, indirizzo e numero di telefono della tua attività commerciale quando appare sul sito.
Limita il tuo sito a 2 font al massimo. Una per intestazioni e sezioni principali e una per il testo (paragrafo).
Ogni pagina deve includere intestazioni e sottotitoli (tag H1 e H2). I tag H1 dovrebbero includere le parole chiave per la pagina all’interno di titoli leggibili.
Collega le pagine del sito con link interni che includono parole chiave per le pagine collegate.
Includi call to action su tutte le pagine, portando il visitatore più in profondità nel sito o verso le conversioni.
Indicare chiaramente lo scopo del sito sulla homepage.

La SEO
Un buon SEO non può essere magicamente interpellato alla fine del processo di costruzione del sito. Deve essere parte integrante del progetto, fin dal concepimento.
Esegui un site audit con qualche tool – controllerà molto di ciò che è elencato di seguito.
Ogni pagina dovrebbe avere un titolo di pagina univoco e integrare una parole chiave, utilizza massimo 70 caratteri.
Ogni pagina deve una meta description unica, con parole chiave, e meno di 156 caratteri.(Anche se recentemente Google sta aumentando i caratteri dello snippet)
Ogni pagina deve essere orientata verso un argomento specifico, focalizzato intenzionalmente su alcune parole chiave di destinazione (generalmente parlando meno di 8-10. In genere tutte le parole che vorresti classificare dovrebbero apparire nella copia della pagina).
Inserire correttamente i metadati per qualsiasi contenuto in un feed RSS o condivisione di social media.
Verifica che l’ortografia e la grammatica siano corrette in tutti i metadati.
Aggiungi tag “Alt” e “Title” a ogni immagine.
Assicurati che i nomi dei tuoi file immagine siano allineati con il tag Alt e l’argomento della pagina.
Creare una sitemap XML dinamica e inviarla ai motori di ricerca appropriati.
La struttura dell’URL deve riflettere coerentemente l’architettura delle informazioni del sito.
Utilizza reindirizzamenti 301 per tutti gli URL che non esistono più o che sono stati spostati.
Assicurati di distribuire lo schema in linea o le informazioni semantiche JSON-LD su pagine che contengono recensioni, il tuo indirizzo commerciale locale, ricette, eventi e altri elementi che possono attivare “rich snippet”.
Posiziona tag rel = “nofollow” su link che ritieni opportuni.
Imposta una pagina di errore 404 personalizzata.

Le immagini e i contenuti premium
Le immagini sono importanti sia per gli occhi umani che per i crawler. Per risultati ottimali, assicurati che i visitatori del tuo sito possano vedere correttamente l’immagine e rendi le stesse pertinenti all’argomento tuo sito.
Buone foto possono rendere un cattivo sito web un bell’aspetto. Le cattive foto possono rendere un buon sito Web brutto.
In breve, vale la pena di realizzare (almeno) 5 foto buone della tua azienda. Noleggia un fotografo professionista! Vale la pena investire.
Se offri un servizio, scatta qualche foto del tuo servizio “in azione”. Puoi assumere un fotografo amatoriale a 50 €/h e farle ritoccare professionalmente per qualche euro in più.
Aggiungi testo descrittivo sia nei tag “title” che “alt”: è meglio che crawler, motori di ricerca e utenti sappiano che cosa l’immagine è destinata a mostrare. I tag dovrebbero essere semplici descrizioni dell’immagine e includere parole chiave quando rilevanti. Questo vale anche per i tuoi video, file audio e PDF. Questi elementi dovrebbero essere sufficienti per assicurarti di essere in regola per quanto riguarda i contenuti multimediali.
Verifica che immagini, file audio e video siano ospitati correttamente, collegati correttamente, formattati e funzionanti su tutti i dispositivi.
Tutti i contenuti premium, come case study, ebook e white paper richiedono particolare attenzione.
Utilizzare solo immagini autorizzate e/o citare correttamente qualsiasi diritto su immagini, caratteri e altri contenuti.
Verifica che tutte le immagini siano compresse per il Web per consentire una qualità e una dimensione dell’immagine coerenti e una certa velocità di apertura.

Le statistiche
Non è possibile modificare ciò che non si misura, quindi tenere traccia di come le persone interagiscono con il sito è MOLTO importante. Se la gente smette di visitare o smette di comprare, un’adeguata analisi può dirti dov’è il problema. L’elenco di controllo qui di seguito è specifico per Google Analytics , ma ce ne sono anche altri se si decide che Google Analytics non fa per te.
Se vuoi che GA monitorizzi l’utilizzo del tuo sito, segui attentamente questi passaggi. Puoi aggiustarlo in un secondo momento, ma le analisi non funzionano in modo retroattivo, quindi ti mancherai un po ‘di quella storia importante. È meglio farlo bene la prima volta.
Se possiedi un sito, crea un nuovo profilo Google Analytics per questo sito. Se il sito è di proprietà di qualcun altro è necessario richiedere l’accesso dal proprietario.
Aggiungi il codice di Google Analytics alla configurazione del sito web. Nota: il metodo di aggiunta del codice di Analytics al sito Web può variare in base al sistema di gestione dei contenuti.
É buona norma impostare filtri per escludere il traffico dagli IP del tuo ufficio per non fuorviare le statistiche. Trova il tuo indirizzo IP digitando “Qual è il mio IP” in Google.
Stabilire gli obiettivi per ciascun tipo di conversione 
Imposta Google Search Console aggiungendo la proprietà del tuo sito e verificare il sito nel sistema.
Collega Google Analytics a Google Search Console. In Google Analytics vai su Amministrazione> Impostazioni proprietà per collegare i tuoi account.
Sincronizzare gli account Google AdWords e Google Analytics (se applicabile).
Se il sito ha un SSL, assicurarsi che “https” sia selezionato per ENTRAMBE le aree Proprietà e Visualizza nell’account GA.

La sicurezza e le leggi
Evita di perdere tutto il tuo duro lavoro eseguendo periodicamente backup. È anche importante proteggerlo da virus e hacking. Gli host del sito non sono obbligati a eseguire il backup del tuo sito, quindi ti consigliamo di pensarci da solo prima di andare on line:
Installa gli script di monitoraggio 24/7 se non vengono forniti automaticamente.
Salva una copia del sito Web finale come backup iniziale e memorizzalo in un posto diverso dal server. Scaricare periodicamente le copie del sito Web e memorizzarle in un sito protetto.
Memorizza password e altre credenziali del sito Web in un database sicuro.
Infine, assicurati che il tuo sito web sia conforme alle leggi e ai regolamenti applicabili. Le legge di Internet sono spesso insidiose e ogni settore ha il proprio insieme di regole da seguire.
Quindi, è meglio consultare un consulente legale per essere sicuro di non incorrere in sanzioni.
Quanto è accessibile il tuo sito per gli utenti con disabilità? È conforme agli standard WAI-ARIA ?
Le pagine annunciano l’ uso dei cookie ?
Tutti i codici, le immagini e i font acquistati o presi in prestito includono la documentazione corretta?
Tutti i visitatori possono accedere facilmente ai Termini di servizio e alle Norme sulla privacy?
Se il sito memorizza o elabora carte di credito, è conforme allo standard PCI ?
Specificare eventuali link di affiliazione e contenuti a pagamento.

Non dimenticare i social media
I social media sono un must per la maggior parte delle aziende. Sebbene tu possa o meno fare affari sui social, lo utilizzerai inevitabilmente per interagire con i tuoi clienti. Raggiungere i tuoi clienti e parlare con loro su social significa che stai accedendo ai clienti dove sono già, piuttosto che farli venire da te.

Checklist pre-lancio del sito Web

Hai controllato e ricontrollato il tuo sito e sei quasi pronto per partire. Complimenti! Prima di lanciarlo, qualche ultima considerazione (scusate se siamo ripetitivi…).
Verifica che tutti i link, i moduli e le gallerie di terze parti siano collegati agli account appropriati: Iscrizione alla newsletter, gallerie, Social Media per citarne alcuni.
Pianificare la fase II del roll-out del sito.
Crea un elenco degli elementi che dovranno essere reinseriti nel prossimo set di aggiornamenti.
Pianificare un incontro con le parti interessate per rivedere le priorità e i prossimi passi.
Se questo sito sta sostituendo un altro, scarica un file zip di quello vecchio e salvalo. Ciò ti consente di tornare al vecchio sito per le cose che hai dimenticato di aggiungere a quello nuovo.
Controlla eventuali redirect. Ci sono altri domini che devono puntare al nuovo sito? In tal caso, conferma di avere accesso a tutti i registrar di domini.

Lancia quel bellissimo nuovo sito web!
Se hai controllato tutto ciò che abbiamo indicato finora, sei pronto per un lancio di successo.
Per il caricamento on line scegli un momento in cui il traffico web è basso, ma quando è disponibile il supporto dell’hosting per risolvere eventuali problemi che potrebbero verificarsi.

Elenco di controllo per il post-lancio del sito

Una volta che il DNS cambia e la configurazione del record è completa, il nuovo sito dovrebbe diventare attivo entro poche ore, di norma fino a 48, quindi non fatevi prendere dal panico se ci vuole più tempo del previsto. Questo “periodo di propagazione” è incoerente perché i router su Internet non si aggiornano allo stesso tempo.
Durante questo periodo, potresti vedere il nuovo sito sul tuo telefono ma il vecchio sito dalla tua scrivania. La tua rete aziendale e il tuo telefono si collegano al web attraverso diversi router, quindi non preoccuparti se non vedi subito le modifiche. Aggiungi quel tempo di propagazione al tuo piano generale.
Quando il sito è attivo:
Verifica che Google Analytics e Search Console stiano raccogliendo dati. Ricorda che c’è un ritardo di giorno per GA e un ritardo di 3 giorni per Search Console.
Invia una nuova sitemap.xml a Search Console in modo che Google indicizzi il tuo nuovo sito. Assicurati che la nuova Sitemap passi senza errori.
Avere un piano per eventuali reindirizzamenti o modifiche al nome di dominio che dovranno essere messe in atto quando il sito web sarà pubblicato.
Pulisci la tua presenza SERP scegliendo quali pagine compaiono nella pagina di ricerca del tuo marchio. In Search Console, seleziona “aspetto della ricerca”, quindi “elimina” gli URL di tutte le pagine che non desideri vengano elencate.
Verifica che eventuali aree di accesso private siano impostate su noindex, nofollow sulla pagina e impostate su “disallow” nel sitemap.xml.
Controlla di aver rimosso il “disallow” nel file robots.txt

E ora il marketing

È il tuo momento! Il tuo sito è attivo e funziona correttamente. Poiché i siti web fanno parte del tuo marketing, devi considerare come presentare il tuo nuovo strumento:
Annuncia il lancio del sito web nella tua prossima newsletter: molti costruttori di siti in realtà scoprono che la frase “Scopri il nostro nuovo sito web” funziona per indirizzare il traffico quando viene utilizzata come oggetto della newsletter.
Scrivi un blog . Menziona le sfide e ringrazia i membri del team che hanno contribuito.
Pianifica annunci sui social media. In genere, da una a tre condivisioni per rete nell’arco di una settimana.
Aggiorna le immagini delle caratteristiche sui social network con un’immagine che include una nota sul lancio del nuovo sito web.
Aggiungi un link “Scopri il nostro nuovo sito web” alla tua firma e-mail per una settimana o due.
Aggiorna il messaggio in uscita sulla tua linea telefonica principale per informare i chiamanti sul nuovo sito web.
Affidati, se pensi di averne bisogno (e ne avrai se il tuo sito web è il tuo principale strumento di lavoro), ad un professionista o un’agenzia che sappiano curare tutti gli aspetti tecnici, promozionali e fare azioni marketing per avere una marcia verso la buona riuscita del progetto.

Conclusioni:
Ogni sito è diverso, quindi questa lista potrebbe non essere esauriente e specifica.
Se pensate che manchino elementi necessari in questa check-list, per favore comunicatecelo e potremmo provvedere ad implementarli.
E ora ti auguro un sacco di traffico per te e il tuo sito!

comunicazione e marketing